Aeroporto di Venezia: in difesa di alberi e gufi

Salvare un'area verde significa salvare anche i suoi abitanti. Gli animali. Quelli che volano e quelli che strisciano.

Perfino un luogo così trafficato come un aeroporto ha i suoi abitanti non umani. Che dagli alberi dove sostano o, in qualche caso, hanno pure fatto il nido, non vorrebbero andarsene.

 

Come i gufi, qui nelle foto scattate dai volontari della Lipu, che abitano le magnolie e i pini marittimi che ancora per poco circondano l'aeroporto Marco Polo a Venezia.

Gufo comune

Nonostante la petizione lanciata su Change abbia quasi raggiunto le 1500 firme, la distruzione è già iniziata. Obiettivo: ampliare l'aeroporto e realizzare nuovi parcheggi.

Ambientalisti e animalisti scrivono al Sindaco della Città Metropolitana di Venezia "di fermare questo scempio". E al Presidente della Regione Veneto  viene chiesta "coerenza con le promesse di invertire la tendenza al "consumo di suolo" che a furia di colate di cemento sta snaturando il paesaggio di una delle regioni più belle del mondo. Chi sradica quei pini marittimi sradica un pezzo della nostra identità e sacrifica la nostra salute sull'altare dell'ingordigia".

Alberi aeroporto

Da parte sua la Lipu veneziana chiede alle autorità di sospendere il taglio degli alberi almeno in questo periodo interessato alla nidificazione, come peraltro prescritto dalla Legge 157/1992.

"E' verosimile", spiega Giampaolo Pamio, " dal momento sono state censite nelle aree limitrofe  di Dese e di Meolo numerose colonie di Gufo comune Asio otes  che stazionavano in dormitori  proprio su pini marittimi e magnolie, che siano presenti anche sugli alberi vicino all'aeroporto".

La specie del Gufo comune,  diffuso in tutta Europa predilige le foreste di conifere,  ha  abitudini notturne e si muove per cacciare ratti, talpe, topi, insetti.  Nel territorio veneziano è sia svernante che nidificante.

Gufo comune

da Zoelagatta di Macri Puricelli (link articolo originale)

In allegato la lettera inviata da Lipu alla direzione dei servizi aeroportuali.

Informazioni aggiuntive