Presenza record di Aironi Guardabuoi

In questo periodo di migrazioni verso le Coste del Sud del Mediterraneo e verso l'Africa Subsahariana, l'Oasi di Gaggio ospita una colonia assai numerosa di Aironi guardabuoi Bubulcus ibis, sono stati censiti oltre 400 esemplari, la maggiore della Val Padana e d'Italia.

Airone guardabuoi

Questo piccolo aironeappartenente all'Ordine dei Ciconiformi, raramente oltrepassa la misura dei 50 centimetri di lunghezza, dalla caratteristica livrea bianca, dal becco giallo e le zampe grigie, si può notare nei periodi estivi dietro un aratro alla riceva di qualche insetto o arvicola che completano una dieta costituita in prevalenza da piccoli invertebrati o pesci.

Nelle aree agresti, questo airone segue i buoi ed i cavalli nutrendosi dei suoi parassiti, in territorio africano lo notiamo tranquillo stazionare sopra elefanti e rinoceronti. In Italia la sua presenza è relegata principalmente nella Val Padana anche se negli ultimi anni si sta espandendo verso il Centro – Sud. Si raggruppa in piccole colonie di 10 individui, ma nei roost (dormitori) puo' arrivare anche a centinaia di esemplari, preferisce boschetti di salici protesi verso l'acqua dove può sentirsi al sicuro da predatori.

L'Oasi di Gaggio ospita sia Aironi guardabuoi in migrazione sia stanziali che nidificano. Nel sito di interesse comunitario e zona di protezione speciale per flora e fauna Oasi di Gaggio si riconferma particolarmente attrattiva per le diverse specie in migrazione, fornendo loro tranquillità e cibo. 

Informazioni aggiuntive