Soccorso Fauna Selvatica

Tutto quello che occorre sapere su come comportarsi, cosa fare e chi chiamare quando si trova un animale selvatico in difficoltà.

 

La legge 157/92 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per prelievo venatorio" che ha recepito interamente la direttiva CEE n.409 del 1979 nota come la "Direttiva Uccelli", ripresa dalla L.R.del Veneto n.50/1993, vieta la cattura e la detenzione di nidi, uova e piccoli nati di mammiferi ed uccelli appartenenti alla fauna selvatica, salvo alcuni casi specifici previsti e comunque sempre preventivamente autorizzati.

Con determinazione dirigenziale n. 371 del 7.2.2017 l'incarico in oggetto è stato assegnato alla Clinica Veterinaria del Benvenuto del dott. Tarricone Luciano a partire dal 1° marzo 2017.

L'impresa aggiudicataria si è impegnata a prendere in consegna gli esemplari entro 24 ore dalla segnalazione, effettuandone il prelievo in tutti i comuni del territorio della città metropolitana di Venezia, sia su segnalazione del Corpo di Polizia metropolitana, sia su segnalazione di cittadini ed Enti terzi, con l'intesa che gli animali oggetto del recupero devono essere già nell'effettivo possesso della persona che richiede l'intervento e non in condizioni di libertà sul territorio;
Le segnalazioni potranno essere effettuate 24 ore al giorno per tutti i giorni della settimana ai seguenti recapiti telefonici:

0425 947670 e 339 4682583

 

Al di fuori delle giornate e degli orari di reperibilità si dovrebbe cercare di tenere l'animale in casa, al sicuro, oppure provare a sentire i Vigili del Fuoco se possono tenerlo loro.

Prima di chiedere il soccorso l'animale deve essere già nel'effettivo possesso della persona che chiede il soccorso. L'animale catturato dovrà essere, in attesa del soccorso, collocato in una scatola di cartone chiusa, con dei fori per la circolazione dell'aria e collocato in un locale al di fuori dei rumori e maneggiato il meno possibile. E' opportuno che la persona che cattura l'animale usi dei guanti protettivi e, per uccelli dotati di becchi particolari (come ad esempio gli aironi) usi un telo e tenga l'animale a distanza dal viso.
Delucidazioni o chiarimenti anche per il primo soccorso, qualora non fosse reperibile il soccorritore sopra indicato, possono essere richiesti alla nostra Associazione ai numeri presenti sul sito LIPU.

Per problemi o altre segnalazioni, rivolgersi all'Ufficio Caccia e Pesca della Città Metropolitana di Venezia, al numero 041 2501151.

Qualche precisazione per chi trova giovani uccelli non volanti:

Se si trova un giovane uccello con tutte le piume ma ancora inabile al volo, che non sembra avere traumi evidenti, pur essendoci la possibilità che   questo venga mangiato da gatti o altro, andrebbe posto comunque nelle immediate vicinanze del luogo di ritrovamento in un posto rialzato (meglio
se albero o cespuglio) in modo che possa essere nutrito dai genitori.

L'uscita dal nido prematura è spesso cosa abbastanza consueta, in molte specie; detenere un uccellino in gabbia, anche per poco, vuol dire condannarlo ad una vita in cattività. Ma certo questo non deve essere letto "guai a toccarli", perchè l'aiuto di un essere umano  - in certi casi - può  essere fondamentale per allontanare un gatto (basta poco a spaventarli senza fargli alcun male) e/o a fare raggiungere all'uccellino un ramo bello alto,  lontano da cani e ruote d'auto.

Informazioni aggiuntive